Il nostro sito salva piccoli pezzi di informazioni (cookie) sul dispositivo, al fine di fornire contenuti migliori e per scopi statistici. È possibile disattivare l'utilizzo di cookies modificando le impostazioni del tuo browser. Continuando la navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.

Le radici dell'affetto

Qui trovate il testo "Le radici dell'affetto"

Le radici dell'affetto

MIMOSA

La mimosa è un fiore che solitamente leghiamo a qualcosa di felice: la festa della donna. Ci viene da pensare a un fiore delicato e puro; infatti rappresenta la sensibilità. Durante il periodo di quarantena ci è stato chiesto di sintetizzare i nostri pensieri sfruttando una foto e qualche riga di commento. Tutte le risposte sono state divise tra diversi fiori e oggi sono qui per analizzare quelle che sono stati rappresentati con la mimosa. Le parole che sono emerse più spesso sono: “felicità”, “quarantena” (ovviamente) “finestra”, “libertà”. Queste parole descrivono molto i pensieri e i desideri di coloro che le hanno scritte; possiamo estrapolare qualche valore umano da ognuna di loro.

Felicità = davvero? No, ma seriamente qualcuno è felice di questa situazione? Beh evidentemente sì. Molti ragazzi hanno trovato finalmente il coraggio e il tempo di dedicarsi a qualcosa che per loro è motivo di gioia; c’è chi ha riscoperto il piacere della lettura e chi ha deciso di avvicinarsi alla famiglia sfruttando, per esempio, un puzzle. La quarantena è come un livello bonus di un videogioco … si distacca molto dal filone principale e ad alcune persone può sembrare noioso, ma in realtà è ricco di sorprese e novità che normalmente non considereremmo mai.

Quarantena = non penso siano necessarie delle presentazioni, ma io modificherei questa parola e la farei diventare “macchina per lo sviluppo della sensibilità”. Ok, ora non è più una parola, bensì una frase, ma il concetto non cambia. La quarantena ha portato molti ragazzi a dover parlare faccia a faccia con i loro pensieri (me compreso) e tutto ciò ha scatenato la nascita di “voglia di fare”, “voglia di cambiamento”, ma a volte ha portato anche alla nascita di tristezza e malinconia. Qui su due piedi mi ritorna in mente il messaggio di una ragazza (suppongo) che ha sofferto tantissimo la mancanza dei suoi nonni; le persone che le hanno insegnato tanto e a cui deve molto. Normalmente non si sarebbe mai soffermata a pensare a loro come persone irraggiungibili e questa quarantena ha fatto sì che potesse approfondire i sentimenti che prova per loro.

“Finestra” e “Libertà” = in fin dei conti sono due parole che si rincorrono a vicenda. Molti di noi si sono ritrovati a guardare fuori dalla finestra e vedere il mondo. Un mondo che solitamente trascuriamo parecchio; non ci rendiamo mai veramente conto della bellezza che ci circonda ed è servito un periodo di quarantena forzato per farci capire quanto possa essere fantastico sentire il primo sole primaverile accarezzarci. La libertà forse non è legata solo allo spazio, ma anche al pensiero. Molte persone si sono ritrovate senza la libertà nelle idee … esatto, quella che solitamente chiamiamo ispirazione. Si tratta di un continuo contrasto tra la speranza di arrivare al tanto desiderato 4 maggio (giorno della fine del lockdown) e la paura di rimanere distanti dai propri cari/non poter tornare alla normalità. Il messaggio principale che individuo è legato alla ricerca di un motivo per cui “andare avanti”. C’è chi si è attaccato ai ricordi, chi ha coltivato nuove passioni, chi ha cercato di rifugiarsi nella scrittura, chi nei film, chi nei giochi, chi nella lettura, chi nell’attività fisica e chi ha cercato rifugio nell’ottimismo e nell’ironia. Penso sia una caratteristica dei giovanissimi cercare il lato positivo anche nelle situazioni peggiori. Noi giovani siamo sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo e unico e questa situazione lo è stata sicuramente. Penso che queste persone possano benissimo rientrare nel gruppo delle persone che hanno sviluppato una grande sensibilità; chi in senso buono e chi in senso un po’ più malinconico; si tratta sicuramente di una crescita personale. Un parere personale su ciò che ho potuto leggere a proposito di questo fiore? Sicuramente leggere tutta questa speranza è stato fantastico. Vedere, anzi, leggere tutta la sensibilità che hanno riposto questi ragazzi nelle loro passioni è veramente molto “ispirazionale”.

GIUNCHIGLIA

Un fiore che personalmente non ho mai sentito nominare; un fiore che rappresenta qualcosa che solitamente allontano dalla mia mente per non essere troppo egoista: il desiderio.

Non ci sono parole ripetute nei commenti dei ragazzi inseriti in questa categoria, ma se potessi sceglierne qualcuna sarebbe proprio “io desidero” oppure prenderei in considerazione il caro e vecchio condizionale “oh sì, io vorrei…”

Da questi testi riesco a estrapolare un forte senso di malinconia e di mancanza.

Questi ragazzi sono dei dipinti meravigliosi, ma purtroppo si sono ritrovati senza cornice.

Questa cornice, che sia una passione o un luogo vero e proprio, viene percepita come distante e irraggiungibile in un certo senso.

Tutto ciò dimostra quanto queste persone fossero legate a ciò che ora desiderano tanto ardentemente.

La paura principale di queste persone è quella di non poter tornare alla vita di tutti i giorni; la loro speranza è invece la situazione contraria.

Sono desideri che differiscono molto, ma che nel loro piccolo rappresentano uno svago e la libertà.

Un ragazzo desidera ritornare nel suo adorato campo da calcio per poter sognare con la sua squadra; non riesce proprio a vedere i suoi adorati scarpini fermi e inutilizzasti in sgabuzzino.

C’è chi desidera di riabbracciare amici e parenti e chi vuole camminare libero per le strade come un gatto.

Il messaggio principale secondo me è quello di tenere sempre sott’occhio l’obiettivo e di non perdersi d’animo, anche se può sembrare difficile.

Ci sono temi altamente adolescenziali; il desiderio è sicuramente qualcosa che si fa molto sentire tra i giovani.

Siamo all’inizio della nostra vita e desideriamo tantissime cose, ad esempio, un futuro fantastico.

Leggendo le descrizioni mi sono trovato ad essere d’accordo con la divisione effettuata; tutti questi ragazzi rappresentano appieno la forza del desiderio.

Mi piacerebbe imparare da queste persone.

Solitamente non sono uno che desidera qualcosa; tendo a seguire la corrente del susseguirsi degli eventi.

Non voglio desiderare qualcosa perché molte volte le speranze e i desideri portano delusioni.

Approfitto di questo piccolo spazio per fare il punto di tutto ciò che ho letto e di tutto ciò che ho scritto, cercando di essere il più rilassato possibile …

Semplicemente qualche riga per tirare fuori qualche pensiero da alunno, ma soprattutto da ragazzo nel pieno della crescita e del proprio cambiamento personale.

Anche io, come molti ragazzi di cui ho analizzato i testi, ho sviluppato una sensibilità altissima in questo periodo.

Mi sono sempre descritto come un ragazzo apatico senza il briciolo di compassione per niente e per nessuno.

Questo periodo mi ha fatto capire che a volte devo tenere chiuso nel cassetto questo mio lato negativo; molte volte ho cercato di eliminarlo, ma so benissimo che è una parte di me e come tale deve rimanere.

Io non sono come molti mi descrivono e forse non sono nemmeno come mi descrivo io stesso e questa quarantena mi ha aiutato a capirlo.

Se proprio devo scegliere un desiderio è quello di poter finalmente stare in pace con me stesso per stare in pace a che con tutto ciò che mi circonda.

(PAOLO DARDANO 5A TUR)

Ultimo aggiornamento: Mercoledì 03 Marzo 2021 09:13